DS Busuit - Premium Business Template for Joomla!

Mondo

Il mondo è un’idea, è ciò che pensiamo, e non ha sostanza.
(Yeshe Tsogyel - la Danzatrice del Cielo)

Calendario Eventi

Non ci sono eventi al momento.
Psicogenealogia PDF Stampa E-mail

La psicologia transgenerazionale, detta anche psicogenealogia, è una disciplina che affronta i legami affettivi invisibili che ci uniscono ai nostri antenati e che li fanno agire dentro di noi; questi legami ci conducono a tenere in vita tutte quelle che sono le emozioni e i destini che furono dei nostri avi. Ciò che ci spinge non sono altro che degli obblighi d’amore annidati e nascosti nel nostro inconscio. Il nostro obiettivo è dissolvere questi obblighi, portando alla luce gli eventi del passato che non hanno trovato modo di concludersi o risolversi. Questo ci consente di liberarci dalle costrizioni ereditate e dall'influsso che queste hanno sulla nostra vita, sul nostro modo di interpretarla e sul nostro equilibrio psicologico.
La psicogenealogia ha cominciato a svilupparsi attorno agli anni ottanta per mano di un gruppo di psicanalisti, psicologi e psicoterapeuti, i quali hanno cominciato a notare strane e ripetitive coincidenze di eventi nelle storie familiari dei loro pazienti, cominciando così ad ipotizzare l’esistenza di un inconscio che si trasmette attrraverso le generazioni. Dopotutto anche Freud aveva già affermato che i processi psichici si prolungano da una generazione all’altra. Infatti pare che già nella più tenera infanzia i bambini abbiano conoscenza, in modo inconsapevole, dei segreti di famiglia. Gli eventi che ci condizionano sono un "qualcosa di non detto"; molto frequentemente si tratta di un fatto tragico oppure di una vergogna da nascondere, di una morte misteriosa, di un fallimento, di una nascita illegittima, di un incesto, il cui "ricordo" inconsciamente viene tramandato nel tempo generando spesso sofferenza psichica e/o fisica. Troviamo traccia di questo anche nella Bibbia, la quale afferma che "il peccato del padre ricade sulla testa dei figli".
L’inconscio passa tramite le cose “non dette”, tramite immagini semi-consce, in quello che si chiama co-inconscio, un inconscio condiviso o collettivo.
Il sintomo più tipico dell'inconscio familiare che si trasmette attraverso le generazioni è la “Sindrome da Anniversario”, cioè un evento importante che avviene in una ricorrenza significativa a livello familiare.
Alcuni esempi sono l'incidenza di certi tumori alla stessa età in cui si era manifestato in un familiare particolarmente amato, oppure le nascite che avvengono quando cade l'anniversario della morte di una persona cara, le decisioni rilevanti o le scelte che si presentano nella ricorrenza di una data importante. È come se l'inconscio mantenesse una buona memoria e ce lo segnalasse attraverso le coincidenze nel calendario. Stabilire le connessioni temporali però non è facile.
Un modo per ricostruire alcune di queste connessioni è quello di definire un particolare albero genealogico, il “genosociogramma” (o “genogramma”), in cui riportare il maggior numero di riferimenti possibili (il nome di battesimo degli avi e dei discendenti, le date dei matrimoni, delle morti, degli anniversari, dei fallimenti, dei divorzi e separazioni, il tutto risalendo a quante più generazioni possibili), e che possieda una valenza affettiva perché viene ricostruito essenzialmente sulla base dei ricordi e delle sensazioni che il soggetto ha in quel preciso momento. In effetti ciò che conta di più sono le rappresentazioni che una persona si fa dei propri avi, perché sono le rappresentazioni a lavorare dentro di noi.
In aggiunta al genogramma, la psicogenealogia utilizza anche le tecniche dello psicodramma, ossia la rappresentazione dell'incontro con l'antenato, ed è proprio in questo momento cruciale che il più delle volte si prende coscienza e si riesce a liberarsi dal proprio destino.
Portare alla luce i segreti di famiglia, le dinamiche e i ruoli che ciascuno gioca all'interno del clan familiare svela anche i casi di lealtà familiari invisibili. Esiste infatti in ogni famiglia un sistema di codici che regola il ruolo e i doveri di ciascuno. Colui che, per esempio, non ha occupato il ruolo sociale che gli spettava, o che non ha rispettato il codice familiare, accumula un debito inconscio che dovrà essere pagato dai suoi discendenti, magari sotto la forma di un forte senso di colpa, o ripetendo un ruolo familiare distruttivo, o mediante atteggiamenti di fuga, di rivalsa o di vendetta.
Il lavoro della psicogenealogia consiste, quindi, nell’aiutare le persone ad interrompere le ripetizioni ed a sottrarsi a quello che viene percepito come un destino. La chiave di tutto è la consapevolezza e la serenità per “riconoscere ciò che veramente è”, perché con la presa di coscienza si cominciano ad avere immagini positive di se stessi e della propria vita che vanno a sostituire le vecchie immagini negative.

Formazione:
Percorso professionale biennale per OPERATORE OLISTICO FACILITATORE con specializzazione in PSICOGENEALOGIA E COSTELLAZIONI FAMILIARI

Percorso per FACILITATORE in PSICOGENEALOGIA E COSTELLAZIONI FAMILIARI

 

 

 
Non ci sono eventi al momento.

Statistiche

Tot. visite contenuti : 91698

Chi è online

 5 visitatori online